• alt text
05 05 2020

NEWS trainer omeosinergetico

OMEOSINERGIA ITALIA

OMEOSINERGIA: MEDICINA E FILOSOFIA PER LA VITA

Un medico s’interfaccia con molti pazienti nel corso della sua professione ed ha l’intento di curarne i sintomi, ma spesso e volentieri si hanno degli insuccessi, delle malattie che non guariscono e a quel punto nasce la curiosità di provare delle alternative, che offrano nuove chiavi di lettura e conseguenti soluzioni.
La Medicina Omeosinergetica è nata proprio a partire da tali insuccessi, che alla fine hanno portato ad una sintesi di varie metodiche, studiate, approfondite e poi messe alla prova continuamente in ambito clinico medico: un percorso personale e professionale del dottor Luigi Marcello Monsellato, durato oltre 30 anni della sua carriera.
Nel corso del tempo vi è stata la necessità di interpretare le relazioni con gli altri e le esperienze vissute nel quotidiano sotto un altro punto di vista ed è così che si è profilata una visione filosofica e pedagogica moderna, all’altezza delle attuali conoscenze dei fenomeni biologici sottostanti agli eventi sociali, la Filosofia Omeosinergetica, grazie alle intuizioni e all’empirismo di Giovanna Pantaleo, sua ideatrice e oggi Trainer Omeosinergetico.
Medicina e Filosofia Omeosinergetica prendono parte ad un’unica realtà, l’Omeosinergia, che accompagna l’individuo verso un processo di cura e di guarigione.
La Medicina Omeosinergetica origina da ricerche del dottor Monsellato nell’ambito della medicina ufficiale, della medicina omeopatica, omotossicologica, agopunturale, biocibernetica e da studi su vari approcci psicologici e psicoterapeutici (Monsellato LM, 2005) . Essa definisce nuovi modi d’intendere la malattia ed ha un orientamento di cura del paziente che verte verso una bio-logicità, ovvero una logica per la vita. Si tratta di un approccio alla medicina che prende in esame la malattia, cerca di comprenderne le vere cause, pone al centro dell’attenzione l’unicità della persona e rispetta quindi ogni manifestazione sintomatica e morbosa come espressione di un adattamento ad uno stimolo esterno e/o interno, di evoluzione di un Io immunobiologico, di una genomica ed epigenomica evolutive. Sotto questo profilo, la Medicina Omeosinergetica definisce la malattia come una benattia, un modo per guarire bio-logicamente.
La malattia è anche un espediente per conoscersi, da cui deriva l’essenzialità della Filosofia Omeosinergetica, la quale rappresenta un nuovo modo di vedere le dinamiche quotidiane personali e si occupa di fornire delle chiavi di lettura diverse rispetto alla medesima realtà che si manifesta. Queste chiavi si identificano attraverso la ragion d’essere degli strumenti dell’Omeosinergia, i quali sono a disposizione del terapeuta Omeosinergetico, medico o trainer, che li utilizza nella sua attività professionale. Tali strumenti sono 5: l’Omeocentratura®, la Respirazione Omeosinergetica (Re.Om®), l’Unologramma®, le Sette Leggi dell’Omeosinergia (Omeo.S.Lex®) e l’Omeoskintest®.
I primi quattro sono praticati dal Trainer Omeosinergetico, al contrario l’ultimo è uno strumento del Medico Omeosinergetico (Metodo e strumenti, 2019) . Il Medico ed il Trainer Omeosinergetici professano la loro attività comunicando e collaborando tra loro con peculiare sincronicità. Il Trainer Omeosinergetico, in particolare, è un terapeuta che si è specializzato presso l’Accademia di Omeosinergia e si aggiorna costantemente, garantendo una qualità eccelsa del suo operato, oltre a fare un lavoro personale su di sé.
Omeosinergia è infatti frutto di un lavoro di Consapevolezza svolto su se stessi, poiché “non si può pensare di trasferire ad altri, a maggior ragione ad alcuni pazienti, un’esperienza ed un messaggio di aiuto che non siano stati vissuti primariamente sulla propria pelle, per poi essere metabolizzati ed integrati” (Monsellato LM, 2019) .
D’altra parte, conformandosi sempre più con le teorie illuminanti delle odierne scienze omiche (genomica ed epigenomica, trascrittomica, proteomica, metabolomica, lipidomica), la Medicina Omeosinergetica rivede i concetti di semplicità, parcellizzazione, generalizzazione per proporre i principi di complessità, olismo e singolarità per la comprensione di un sistema biologico unitario quale l’asse P.N.E.I. del nostro organismo.  
Per concludere, alla luce degli ultimi studi di fisica quantistica, della medicina vibrazionale e del mondo delle frequenze, la Medicina Omeosinergetica “prende in considerazione la parte energetica dell’essere vivente, l’altra metà del cielo che ci rende vivi e unici, e che la scienza sta sempre di più confermando come vera” (Monsellato LM, 2019) .

 

Dott. Andrea Maraschio
Farmacista
Coord. editoriale Omeosinergia